HANDBALL: HAENNA CORSARA A GAETA 34-33 AI RIGORI

GEOTER GAETA – PALLAMANO HAENNA 33-34 dtr (s.t. 31-31)

GEOTER GAETA: D’Ovidio, Recchiuti 5, Marciano, Horvath 3, Yant 3, Matarazzo 6, Perrone 7, Onelli 6, Panariello 2, Amendolagine, Brongo, Antetomaso 1, Ponticella, Fiorenzano. All. Medina

PALLAMANO HAENNA: Messina, Rosso Gi. 7, Guarasci, Rosso Ga. 2, La Placa 3, Giuffrida 8, Lanzarone 5, Lo Manto 5, Larice 4, Scavone, Mizzoni, Russello. All. Gulino
ARBITRI: Boscia, Pietraforte

NOTE: Espulsi: al 25′ pt Yant e Gaetano Rosso, al 25′ st Horvath; sequenza tiri di rigore: Onelli gol, Lanzarone parato, Perrone parato, La Placa gol, Recchiuti gol, Rosso Gi. gol, Antetomaso parato, Giuffrida gol, Marciano palo, Lo Manto parato.

Ancora ai tiri di rigore. Ancora una volta, così com’era successo nella prima giornata al cospetto dell’Altamura, la Geoter Gaeta non riesce a chiudere la gara nei tempi regolamentari, ma stavolta neanche ad ipotecare almeno i due punti, dopo un palo e due parate di Scavone. La causa di ciò è probabilmente da imputarsi ad una sottovalutazione dell’avversario, che ha portato la formazione del Golfo ad un approccio totalmente sbagliato nel primo tempo e negli ultimi decisivi minuti del secondo, quando forse si pensava di avere già i tre punti in pugno. Se poi si calcolano anche le espulsioni di Yant e poi di Horvath, la frittata è fatta. I padroni di casa partono con il piede giusto, ad aprire le danze sono i giovani Antetomaso e Recchiuti, che permettono ai loro compagni di tenere il muso avanti. I siciliani, però, si mantengono sempre agganciati, prima di approfittare delle numerose occasioni sprecate dai biancorossi per mettere la freccia e segnare il sorpasso, 3-4 al 9′, grazie ad un veloce contropiede di Larice. La difesa degli ospiti diventa ermetica e più aggressiva, mentre i gaetani perdono di lucidità soprattutto in fase offensiva, oltre che in difesa, così in soli 10 giri di lancette gli ennesi si ritrovano sul +5, 6-11. Due reti consecutive di Recchiuti riaccendono le speranze, ma al 22′, sull’8-13, è time out Gaeta. Il cartellino rosso ai danni di Yant (e anche del Gaetano Rosso) non migliora la situazione, ed al 27′ arriva il massimo vantaggio per i ragazzi di Gulino, 10-18, +8. Prima di ritornare negli spogliatoi, una timida reazione della Geoter, break di 3-0 e tutti al riposo sul 13-18. Al ritorno sul parquet, è la volta di tutti i veterani, compreso Matarazzo grazie al quale la gara cambia volto. Con le sue reti, si raggiunge subito il -3, 16-19, ma con il passare dei minuti il distacco si assottiglia sempre di più, fino alla conquista della parità e subito dopo del vantaggio, 23-22 all’11’. Si parte con il testa a testa, che dura fino al 20′, quando con un netto 4-0 ed un Amendolagine in versione saracinesca, la formazione di casa torna a mettere il muso avanti. Ma ecco cadere una nuova tegola sulla testa dei locali, ancora un’espulsione al 25′, questa volta per Horvath, sul 28-24. Insieme alla quale è pronto il controbreak di un’ Haenna mai doma, 28-27, che si trasforma in 31-30 e poi, con Giovanni Rosso, nel 31-31 finale. Prima della sirena, però, di occasioni per chiudere i conti la Geoter ne ha in quantità, ma nessuno riesce ad infilare la sfera alle spalle di Scavone. Si decide tutto ai tiri di rigore. Le reti di Onelli e Recchiuti e le due parate di Amendolagine non bastano, l’Haenna torna a casa con la prima vittoria stagionale, la Geoter con un solo punto che dovrà far riflettere. E non poco. Sabato prossimo, nella seconda gara interna consecutiva, i gaetani ospiteranno la Lazio.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social