PROCESSO “SFINGE”, RESPINTA LA RICHIESTA DI RICUSAZIONE DEL GIUDICE

*Maria Rosaria Schiavone al momento dell'arresto nel maggio 2010*

Respinta la ricusazione del giudice Valeria Chirico avanzata dall’avvocato Alfonso Baldascino, legale di Maria Rosaria Schiavone nell’ambito del processo Sfinge in corso di svolgimento presso il Tribunale di Roma. Così i giudici della Corte d’Appello che non hanno accolto la tesi secondo cui il magistrato sarebbe stato incompatibile con il processo in quanto avrebbe già giudicato fatti inerenti il medesimo procedimento. Probabile ora il ricorso in Cassazione mentre il processo è proseguito con l’audizione di quattro testimoni.

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO del trasferimento in carcere – 20 maggio 2010-)

***ARTICOLO CORRELATO*** (chiusa l’inchiesta – 13 marzo)

***ARTICOLO CORRELATO*** (dieci richieste di rinvio a giudizio – 7 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (fissata l’udienza preliminare, articolo – 10 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Zaratti chiede a Regione, Province, Comuni di costituirsi parte civile – 14 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Sfinge, imputati dal Gup – 28 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Operazione Sfinge, tutti a giudizio – 4 maggio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Latina, la “Sfinge” in aula per la prima udienza contro la cellula dei casalesi in provincia – 7 luglio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Processo “Sfinge”, la Provincia di Roma si costituisce parte civile – 30 luglio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Processo “Sfinge”, Maria Rosaria Schiavone ricusa uno dei giudici – 12 novembre -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
[ff id="2"]