***video***SCHIAVITU’ E STRUTTAMENTO MINORILE AL CENTRO DI UN CONVEGNO PRESSO L’ARCIDIOCESI


Si sono svolte al Palazzo de Vio a Gaeta  due importanti tavole rotonde chehanno riguardato temi scottanti come: “la convenzione sui diritti del fanciullo dal 1989 ad oggi, e i mali del XXI secolo: la prostituzione minorile, la pedofilia, la pornografia, lo sfruttamento, ed il bullismo”.

Assente per cause di salute, l’ospite principale, Somaly Mam fondatrice di Afesip, al suo posto Roeurn Chetan e Vann Sina, due ragazze che come lei hanno avuto lo stesso passato. L’Afesip svolge inoltre, un’attenta attività di divulgazione e di prevenzione al fine di aiutare le donne ancora schiave. Somaly Mam ne ha salvate più di 7.000, e nel 1998 è stata insignita del Premio Principe delle Asturie per la cooperazione internazionale su segnalazione di Emma Bonino, sua grande sostenitrice. Candidata al Premio Nobel per la pace dalla Regina di Spagna, da anni le televisioni e la stampa di tutto il mondo si occupano di lei. Ma in Italia, Somaly Mam, è diventata un personaggio pubblico soprattutto con le Olimpiadi invernali di Torino quando, il 17 febbraio 2006, ha portato la bandiera olimpica assieme ad altre sette grandi donne come la keniota Wangari Maathai Kenia (Nobel per la pace 2004), la scrittrice cilena Isabel Allende e l’attrice e ambasciatrice dell’Unicef Susan Sarandon.

 


You must be logged in to post a comment Login

h24Social