VERTENZA LATTE OVINO: AD APRILIA I PASTORI IN PIAZZA PROTESTANO

Dopo la grande manifestazione regionale ospitata dal capoluogo pontino, lunedì prossimo, 14 novembre 2012, ad Aprilia (dalle ore 11.00), dinanzi lo stabilimento Brunelli, è in programma un’altra azione di mobilitazione organizzata da Coldiretti Lazio, a tutela del settore agricolo. Questa volta si protesta per il prezzo del latte ovino.

“Il settore, nella provincia di Latina e nel Lazio, è tra i più importanti a livello economico – ha detto il direttore della Coldiretti di Latina, Saverio Viola – ma la situazione è critica e le imprese rischiano di chiudere i battenti”. Le aziende più competitive riescono a difendersi, ma le difficoltà permangono forti in una realtà molto frammentata come quella pontina. Durante l’anno in corso centinaia di imprese sono andate in crisi. Pronti nuovamente a protestare i pastori del Lazio. Coldiretti, insieme alle altre organizzazioni agricole e alla Regione Lazio, ha tentato di determinare tramite il confronto  un nuovo prezzo regionale della latte ovino nel Lazio, ma sino ad oggi la parte industriale non ha inteso ragioni. Il prezzo minimo al litro comprensivo d’Iva deve essere pari a 0.95 centesimi di euro al litro (compreso Iva). Servono promozione del prodotto, un sistema di pagamento a qualità del latte e, soprattutto, la variante del prezzo praticato nel mercato sardo con una maggiorazione del 25% agli attuali 75 centesimi di euro a litro.

“Nel corso del nuovo anno si dovrà mirare al piano ovicaprino nazionale e all’assistenza tecnica – aggiunge Viola – avviando l’identificazione elettronica degli ovini. Ma adesso è importante far salire il prezzo. Con il sit-in di protesta ad Aprilia apriamo di fatto una vertenza che da mesi si trascina ma stavolta senza risposte non molleremo, è in gioco il futuro delle nostre imprese”. Oggi per ogni litro di latte conferito i produttori, in media riscuotono 0,65 o 0,70 centesimi a litro non coprendo le spese di produzione. Tutto ciò avviene mentre la domanda cresce con gli acquisti e, come al solito, solo al produttore restano le briciole.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social