TERRACINA: UNA PERDITA D’ACQUA SCATENA UNA MEGA RISSA TRA CONDOMINI

Un principio di allagamento all’interno di un appartamento delle case popolari di via Traiano a Terracina ha generato una delle più grosse risse tra condomini che la città ricordi nell’arco di diversi anni. Tutto ha avuto inizio in mattinata quando, un gruppo di inquilini, ha chiamato la Polizia Municipale per un primo sopralluogo. Gli agenti però, non riuscendo ad individuare l’origine della perdita, hanno deciso di contattare i Vigili del Fuoco per un controllo più approfondito.
Mentre i Vigili erano a lavoro, però, tra i condomini sono cominciate a volare accuse pesanti, perlopiù indirizzate a una delle famiglie coinvolte che occuperebbe abusivamente l’appartamento al primo piano della palazzina in questione. Da quel momento in poi però, gli inquilini, in particolare un 70enne ed un 50enne, hanno perso le staffe e, archiviando le parole, hanno cominciato a prendersi a calci e a pugni. Le rispettive mogli non sono state a guardare e si sono lanciate nella mischia per difendere i mariti.
Inutili i richiami da parte degli agenti della Polizia Locale che, vedendo la rissa ingrossarsi sempre più con l’intervento di altri parenti e condomini, hanno chiesto aiuto ai colleghi del Commissariato. Non è bastato darsele di santa ragione perché qualcuno ha anche cominciato a lanciare ombrelli e zoccoli. E’ stato quindi necessario l’intervento di ben due ambulanze le cui sirene hanno forse fatto rinsavire i condomini impazziti. Il bilancio della maxi rissa è di tre feriti con una delle donne coinvolte finita all’ospedale Fiorini in preda ad una crisi di panico.
L’intero palazzo per precauzione ora è senza energia elettrica e senza acqua, mentre gli agenti della Municipale hanno inviato un duplice esposto all’Ater e al comune al fine di accertare le responsabilità dei disservizi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social