CITTADINANZA E DIRITTO DI VOTO PER LE PERSONE DI ORGINE STRANIERA, IL CONSIGLIO DEI GIOVANI DI CORI E GIULIANE RACCOGLIE LE FIRME

Il Consiglio Giovani di Cori e Giulianello è sceso in Piazza Signina per raccogliere le firme a sostegno delle due proposte di legge di iniziativa popolare finalizzate al riconoscimento dei diritti di cittadinanza e del diritto di voto per le persone di origine straniera.

Il banchetto è stato allestito in adesione alla campagna nazionale “L’Italia sono anch’io”, promossa da 19 organizzazioni della società civile con lo scopo di portare all’attenzione il tema della cittadinanza, quale elemento di primaria importanza nello Stato democratico.

Le nuove norme sulla cittadinanza puntano a facilitare ed incrementare l’acquisizione della cittadinanza, dato che l’Italia è sotto la media europea, mediante la semplificazione dell’attuale iter burocratico e l’introduzione del principio dello Ius Soli che abilita il richiedente al riconoscimento della cittadinanza a seguito di un soggiorno legale sul territorio di durata ragionevole e guardando al luogo dove si nasce anziché alla discendenza di sangue. La seconda proposta di legge si propone di ridisciplinare la materia della partecipazione politica ed amministrativa e del diritto di elettorato attivo e passivo, a livello regionale e locale, senza discriminazioni di cittadinanza e nazionalità.

Rispetto all’Europa, l’accesso al diritto di elettorato amministrativo in Italia discende dalla cittadinanza, determinando una situazione di iniquità e discriminazione nei confronti di minoranze straniere sempre più consistenti e stabilmente insediate nel nostro paese, ma che non possono far sentire direttamente la propria voce e farsi attivamente interpreti delle proprie esigenze. Oltre a ledere il principio dell’uguaglianza, questa situazione ha del paradossale se si pensa che l’Italia ha invece reso possibile il voto all’estero, in qualsiasi competizione elettorale, di persone che, pur conservando la cittadinanza italiana, non hanno mai messo piede nel nostro paese né hanno mai avuto occasione di partecipare alle vicende politicosociali nazionali.

Il Comune di Cori, uno dei pochi in Italia, ha stretto con le comunità straniere presenti sul territorio, un Patto di Cittadinanza, stilato insieme al Consiglio Giovani, una Carta che vuole suggellare la solidarietà, l’impegno e la responsabilità che tutti i cittadini di Cori e Giulianello devono avere nel rendere questa città sempre più accogliente e nel far sentire italiani coloro che sono nati qui o che vi sono arrivati piccolissimi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social