CISTERNA DI LATINA, INAUGURATO IL NUOVO IMPIANTO DI DEARSENIZZAZIONE

Si è tenuta oggi l’inaugurazione del nuovo dearsenizzatore a servizio del Comune di Cisterna di Latina e la conferenza stampa nel corso della quale è stato presentato l’avanzamento del piano di intervento di Acqualatina S.p.A. in materia di arsenico su tutto il territorio.

“L’inaugurazione di questo nuovo impianto sancisce inequivocabilmente l’efficienza degli ATO a livello regionale – ha affermato l’Assessore Regionale all’Ambiente, Marco Mattei. L’operato dell’ATO4 e di Acqualatina S.p.A. ci permette di rispedire al mittente le accuse di inefficienza mosse da qualcuno. Possiamo affermare senza dubbio, dunque, che il piano di rientro per il problema dell’arsenico attuato dalla Regione Lazio avanza come da programma. La gestione del servizio nell’ATO4 – ha concluso l’Assessore – è il faro verso cui viaggiare per la prosecuzione del piano, un modello virtuoso da seguire”.

Ha preso, poi, la parola il sindaco di Cisterna di Latina, Antonello Merolla. “Grazie a questo nuovo impianto è stato risolto il problema dell’arsenico sull’80% del territorio comunale. Sono pronto a modificare l’ordinanza sulla base dei nuovi valori, mantenendo le limitazioni d’uso per i bambini e le donne in stato di gravidanza solamente nelle zone non ancora coperte. Mi ritengo soddisfatto del lavoro svolto sinora da Acqualatina S.p.A. sul quale continuerò a vigilare e spero proseguiremo verso la risoluzione completa”.

“La presenza dell’assessore Mattei e le sue parole – ha proseguito il presidente della Provincia di Latina e dell’ATO4, Armando Cusani – sono un riconoscimento importante, anche al di fuori dei confini provinciali, per il nostro operato come Autorità di controllo e per quello di Acqualatina S.p.A. nel ruolo tecnico di gestore. Il nostro modello misto pubblico-privato si è rivelato efficace e ha permesso, da un lato la realizzazione dei concetti di solidarietà sociale e welfare come l’istituzione del Fondo Sociale finanziato dalla Provincia di Latina, dall’altro del concetto di solidarietà territoriale grazie alla Conferenza dei Sindaci impegnata a stanziare finanziamenti a totale vantaggio del territorio. Con il nostro impegno, inoltre, abbiamo dimostrato che, a differenza di quanto sostengono alcuni, l’acqua è pubblica. Dal canto suo, – ha proseguito Cusani – l’ATO continuerà a svolgere il proprio ruolo, vigilando sull’operato del gestore e assicurando il completamento del piano di interventi entro i tempi stabili, se non prima”.

È, poi, intervenuto il presidente di Acqualatina S.p.A., Giuseppe Addessi. “Oltre agli interventi tecnici, un ruolo importante l’ha giocato anche la nostra campagna di informazione. Ci siamo impegnati da subito nel comunicare in modo puntuale e capillare ogni informazione possibile sul tema tramite affissioni pubbliche, volantini, la pubblicazione delle analisi sul sito Web aziendale e l’allegato in bolletta. Ritengo che l’impegno alla trasparenza sia uno dei più rilevanti per Acqualatina S.p.A. in quanto gestore di un servizio di pubblica utilità, ed è per questo che, ricordo, siamo giunti alla 4° conferenza monotematica sul tema arsenico. Anche le azioni di approvvigionamento sostitutivo tramite autobotti, serbatoi e boccioni di acqua nelle scuole che abbiamo messo in atto sin dal mese di dicembre 2010 sono un chiaro esempio di come siamo impegnati su questo fronte. Vorrei ringraziare – ha proseguito Addessi – tutti quei sindaci che, come il qui presente sindaco Merolla, collaborano con noi per un costante miglioramento dei nostri servizi. Questo tipo di atteggiamento è estremamente importante, tant’è vero che laddove non vi è collaborazione si creano dei rallentamenti nella prosecuzione dei lavori che vanno a totale discapito dei cittadini”.

Il direttore tecnico Ennio Cima, ha poi illustrato nel dettaglio gli interventi previsti nel piano. “Ad oggi, i valori di arsenico sono stati riportati al di sotto dei 10 μG/L nel Comune di Sermoneta e in gran parte del Comune di Cisterna di Latina e sono compresi tra i 10 μG/L e i 20 μG/L nel resto dei Comuni impattati dal fenomeno. Possiamo, dunque, ritenerci soddisfatti dell’andamento dei lavori in linea con il Piano presentato in Regione”.

“L’intento del gestore – ha concluso l’amministratore delegato di Acqualatina S.p.A., Roberto Cupellaro – è quello di lavorare costantemente per salvaguardare la salute degli utenti, per tale motivo il personale tecnico di Acqualatina S.p.A. è quotidianamente impegnato sulla questione dell’arsenico. Il Piano di Acqualatina S.p.A. per fronteggiare l’arsenico prevede investimenti per oltre 14 M€ di cui oltre 3,7 già realizzati o in corso di realizzazione. A questo va aggiunto l’importo del finanziamento elargito dalla Regione Lazio di circa 2,3 M€, per un totale di circa 17 milioni di euro”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social
.uffa { text-align: center; } .inner { display:inline-block; }