LATINA, COMUNE E SCUOLA “G. CENA” INSIEME NEL PROGETTO PER L’INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

Alla presenza dell’assessore comunale all’istruzione, Marilena Sovrani, è stato presentato il progetto finanziato dalla Regione che prevede forme di supporto per quelle scuole che attuano progetti per l’integrazione degli studenti immigrati. L’unica scuola della provincia di Latina ad accedere al finanziamento regionale, previsto nelle attività finanziate con il Fondo Sociale Europeo POR 2007-2013, è stata la scuola media “G. Cena” di Latina, diretta da Emilia Carotenuto, che ha presentato “Tutti i colori della scuola”, progetto di integrazione interculturale e scolastica degli allievi di origine migrante.

Nel corso del convegno di presentazione del progetto, l’assessore Marilena Sovrani ha affermato: “Dobbiamo prendere atto che la globalizzazione ed altri fattori sociali fanno si che il flusso di stranieri che arrivano nel nostro Paese è sempre più alto, quindi nel momento in cui attuiamo la politica dell’accoglienza questa deve essere espletata concretamente, dal punto di vista lavorativo, sociale e culturale in particolare per quanto riguarda l’istruzione, visto che le famiglie migranti arrivano in Italia anche con i propri figli. Partendo da questo presupposto credo che l’apprendimento della lingua italiana sia un fattore primario, indispensabile per una buona integrazione poiché attraverso detto studio gli stranieri possono conoscere anche la nostra storia e la nostra cultura. Credo che con il progetto della “G. Cena” – ha continuato l’Assessore – si possano raggiungere tali obiettivi, nella consapevolezza che una buona integrazione facilita il rispetto delle regole e delle leggi vigenti nel nostro paese. Il progetto può essere un mezzo affinchè chi non è italiano ma risiede regolarmente nel nostro Paese si senta parte integrante della nostra nazione e della nostra comunità”.

Il progetto prevede diverse azioni di intervento: attività di educazione interculturale; apprendimento della lingua italiana quale seconda lingua; mediazione linguistico-culturale attraverso l’inserimento della figura del mediatore interculturale in qualità di esperto nell’attività di mediazione fra gli allievi stranieri e le loro famiglie, la scuola e il territorio.

“Il progetto durerà un intero anno scolastico – afferma la dirigente Emilia Carotenuto – coinvolgendo anche i genitori degli alunni e prevede anche l’apertura di uno sportello dello psicologo a disposizione delle famiglie. La presenza di studenti stranieri nelle scuole deve essere vista come una opportunità per rimodellare il sistema dell’istruzione, al fine
di creare reciproca conoscenza e comprensione tra popoli e culture diverse. Con questo progetto, che testimonia come la partecipazione a bandi regionali ed europei offra grandi opportunità per le scuole, garantisce agli studenti stranieri pari condizioni di accesso al sapere, rafforzando l’integrazione interculturale. Ringrazio il Comune di Latina, e in particolare l’assessore Sovrani, per il sostegno”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social