IL DISTRETTO SANITARIO E’ A GAETA, L’ASL RISPARMIA MEZZO MILIONE DI EURO

*L'ospedale Mons. Di Liegro di Gaeta*

Il sindaco Raimondi esprime soddisfazione per il trasferimento del Distretto Sanitario da Formia al presidio Mons. Di Liegro a Gaeta.

“Finalmente i nostri sforzi vengono premiati e soprattutto si porta a termine un’operazione di contenimento dei costi che avrà ricadute positive sui cittadini del Sud Pontino. Infatti, il trasferimento consentirà di risparmiare oltre mezzo milione di euro tra affitto e utenze che si pagavano al Caposele ed inoltre era una delle condizioni indicate dai tecnici dell’Asl di Latina nel 2010 per non tagliare alcun posto letto o servizio nel nostro territorio – afferma il sindaco Raimondi -. Ci siamo messi immediatamente a disposizione della direzione Asl per alcuni interventi che ci sono stati segnalati circa la viabilità, la segnaletica e l’illuminazione”.

“Inoltre, all’interno di un’offerta sanitaria che guardi al comprensorio del Golfo trovo molto fastidioso questo «balletto» dei reparti e condivido il pensiero di Lina Pasciuto, presidente del Tribunale dei Diritti del malato. Ritengo che Malattie Infettive non possa stare all’interno di Medicina Generale a Formia perché stiamo parlando del trattamento di patologie che necessitano di strutture che non facciano propagare le infezioni – aggiunge Raimondi -. Per quanto riguarda Dialisi, invece, questa deve stare in una struttura attrezzata per eventuali emergenze: portare questo reparto da Formia, dove funziona bene, a Gaeta non consentirebbe di mantenere un accettabile livello di assistenza e sicurezza dei pazienti”.

“Infine, sempre in un’ottica comprensoriale, la vera sfida è avere a Gaeta una Day Surgery di alta qualità in modo da diventare l’Ospedale diurno di tutto il Basso Lazio ed un punto di riferimento per le piccole operazioni di chirurgia. Resta da parte dell’Amministrazione di Gaeta la ferma contrarietà al decreto 80 della Polverini che ha ridotto la sanità della provincia di Latina ed in particolare del sud pontino un colabrodo con gravi ripercussioni sulla salute dei cittadini e non riuscirà ad ottenere (e questo sarà il tempo a dimostrarlo) quei risparmi sperati – conclude il Primo Cittadino -. Quanto detto evidenzia un’azione politica che non si lascia frenare da logiche campanilistiche o giochetti politici ma che ha come punto di riferimento il diritto alla salute dei cittadini di Gaeta e del Golfo”.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social