CROCE ROSSA – ARES 118, STOP DAL 30 SETTEMBRE

Il 30 settembre scadrà la convenzione tra Croce Rossa e Ares 118. La decisione, comunicata alla Regione Lazio mediante una lettera, è stata presa dal commissario straordinario nazionale della Cri Francesco Rocca e, secondo quanto si apprende, è legata a presunte mancate ingerenze dell’Ares in procedure contrattuali interne. Secondo Rocca, l’Ares avrebbe provocato ritardi nei pagamenti degli stipendi degli operatori con conseguenti agitazioni del personale. In provincia di Latina sono sessantacinque gli operatori il cui futuro contrattuale è a rischio e per cui lunedì è previsto un incontro in Regione. L’orientamento attuale sarebbe quello di affidare il lavoro fino al 31 dicembre a un’associazione esterna.

GLI ULTIMI DUE MESI E MEZZO

***ARTICOLO CORRELATO*** (L’Asl proroga di sei mesi i contratti ai precari, la Croce Rossa di un mese –  31 maggio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (“Il mio infermiere è morto”, vignetta shock dei precari della Croce Rossa pontina – 2 giugno -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Sul piede di guerra i medici del servizio emergenza Croce Rossa che rassicura – 6 giugno -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Convenzione in scadenza, gli infermieri e gli autisti della Croce Rossa pontina chiedono certezze – 20 giugno -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (A mezzanotte scade la convenzione Cri – Ares 118, servizio ambulanze a rischio chiusura – 30 giugno -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Croce Rossa garantisce ancora 15 giorni di servizio per le ambulanze, poi si chiude – 1 luglio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Prorogata la convenzione Ares 118 – Cri – 8 luglio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Irregolari i contratti per gli operatori del 118, subentra un’agenzia interinale ed è protesta – 11 agosto -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social