CONSUMATORE DI MARIJUANA SBAGLIA APPARTAMENTO E FA’ ARRESTARE DUE PUSHER PER ERRORE

Una pattuglia di militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Formia, nonostante la presenza di numerosi turisti e giovani del luogo, che di notte frequentano i locali costieri, notavano uno strano andirivieni di persone nella zona di Castellone di Formia.
Insospettiti da tali movimenti che, facevano presupporre una attività di spaccio di sostanze stupefacenti, si appostavano nella zona per localizzare l’immobile ed i pusher.
I militari però, poco dopo,  su richiesta della Centrale Operativa erano costretti ad abbandonare il servizio in atto, poiché un cittadino Formiano residente in via Torretta, aveva chiesto l’intervento al 112, segnalando che malintenzionati stavano tentando di entrare nella sua abitazione forzando la porta.
Immediatamente i carabinieri si portavano nella zona dell’intervento, poco distante dal luogo in cui si trovavano e, non appena giunti sul posto, notavano sul balcone un giovane del luogo, F.L. di anni 18, conosciuto alle forze di polizia, il quale nel tentativo di disfarsene, gettava un involucro che però cadeva quasi ai piedi dei militari dell’Arma.
Raccoltolo, i carabinieri constatavano contenere sostanza stupefacente del tipo marijuana, del peso di circa 50 grammi.
Immediatamente raggiungevano l’appartamento del giovane ed una volta entrati sorprendevano, sul tavolo  un minore del luogo DS. L., che era intento a disfarsi di altro stupefacente scaricandolo nel water e, proprio sulla tavolozza del servizio igienico rinvenivano altri 10 grammi dello stesso stupefacente.  Sul tavolo della cucina invece rinvenivano, un migliaio circa di semi di canapa indiana, una stessa pianta coltivata in vaso,  ulteriori 15 grammi di marijuana, due dosi già confezionate e pronte per lo spaccio, un bilancino di precisione, un taglierino e numerosi pezzi di cellophane già predisposti per confezionare altre dosi. Una vera e propria centrale di smistamento di sostanze stupefacenti che nei fine settimana rifornisce di droga gli assuntori formiani.
I due giovani venivano pertanto arrestati in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed associati rispettivamente presso il carcere di Latina ed il Centro di I^ Accoglienza per i Minorenni di Roma, in attesa della convalida.
Nella particolarità dell’accaduto c’è strana coincidenza tra la richiesta di intervento del cittadino formiano e la localizzazione degli spacciatori, infatti le loro abitazioni si trovano nello stesso immobile, sullo stesso piano. I militari nella ricostruzione dell’accaduto  accertavano che presso l’abitazione del cittadino che aveva richiesto l’intervento dei CC, non vi era alcun  malintenzionato che cercava di forzare la porta ma, un cliente dei due pusher che, aveva sbagliato abitazione e colpiva ripetutamente contro la porta, per farsi aprire. Quest’ultimo all’arrivo dei militari si è immediatamente dileguato.

 


 

[adrotate group=”3″]
[adrotate group=”2″]