***video***I LAVORATORI MEDFISH MANIFESTANO ALL’INGRESSO DELLO STABILIMENTO

AGGIORNAMENTO – Non parlano e manifestano pacificamente da tre giorni. In silenzio e senza bandiere sindacali, sono i cinquanta dipendenti della Medfish Gaeta in sciopero. Questa mattina erano una ventina davanti all’ingresso dello stabilimento sul lungomare Caboto. L’azienda ha assicurato che entro martedì, al massimo mercoledì, saranno retribuiti delle spettanze di giugno. Per la quattordicesima, invece, ancora nessuna novità. E’ il futuro dello stabilimento però a preoccupare maggiormente dopo che due anni fa già la Medfish Spa era fallita. “Ci devono spiegare come uscire da queste sabbia mobili”, chiede Eugenio Siracusa della Flai Cgil. “Il materiale per lavorare alle volte arriva, altre no: manca la nafta, i mangimi, le reti vanno sistemate o cambiate, l’attrezzatura ugualmente. E certo questa situazione non l’hanno creata i lavoratori che, addirittura, sabato (oggi), non effettueranno sciopero perché se non vengono pulite le reti, i pesci muoiono. E se questo non è senso di responsabilità”. Lunedì , intanto, è atteso a Gaeta l’arrivo dei rappresentanti sindacali per incontrare la dirigenza aziendale. Il futuro, però, non appare roseo.

***ARTICOLO CORRELATO*** (Medfish Gaeta, Siracusa della Flai Cgil chiede garanzie per il futuro dell’azienda – 8 luglio -)


You must be logged in to post a comment Login

h24Social