LATINA, LA “SFINGE” IN AULA PER LA PRIMA UDIENZA CONTRO LA CELLULA DEI CASALESI IN PROVINCIA

*Maria Rosaria Schiavone al momento dell'arresto nel maggio 2010*

Ritorneranno in aula il prossimo cinque ottobre i dieci imputati, tra cui Maria Rosaria Schiavone nipote di Francesco Sandokan Schiavone, del processo che fa seguito all’operazione della Squadra Mobile di Latina e denominato Sfinge dall’atteggiamento freddo e impassibile sempre tenuto proprio dalla Schavone. Nella prima udienza presso il Tribunale di Latina il pubblico ministero in aula ha chiesto il trasferimento della sede processuale a Roma, ritenuta, per ragioni di sicurezza, sede più idonea allo svolgimento del processo. Associazione a delinquere ed estorsione l’accusa verso i dieci imputati che, secondo l’accusa, avrebbero costituito una cellula del clan dei casalesi in provincia di Latina, alle porte di Roma.

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO del trasferimento in carcere – 20 maggio 2010-)

***ARTICOLO CORRELATO*** (chiusa l’inchiesta – 13 marzo)

***ARTICOLO CORRELATO*** (dieci richieste di rinvio a giudizio – 7 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (fissata l’udienza preliminare, articolo – 10 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Zaratti chiede a Regione, Province, Comuni di costituirsi parte civile – 14 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Sfinge, imputati dal Gup – 28 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Operazione Sfinge, tutti a giudizio – 4 maggio -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social