ITRI, CONSIGLIO COMUNALE il 28 GIUGNO PER LE COMMISSIONI. PER IL BILANCIO SE NE PARLERA’ il 7 LUGLIO

Felice Saccoccio, con il sindaco e il segretario comunale

E’ stato convocato per le ore 18,30 di martedi 28 giugno il secondo consiglio comunale a Itri. Il presidente della massima assise consiliare, Umberto Papa, ha inserito all’o.d.g., dopo la riunione dei capigruppo in programma venerdi mattina, oltre i rituali punti che prevedono l’imprimatur alla regolarizzazione degli atti svolti nella seduta precedente, alcune comunicazioni del sindaco, Giuseppe De Santis, e dello stesso presidente Papa.

Di valenza più squisitamente politica, sarà, invece, la nomina delle tre commissioni, Lavori Pubblici e Urbanistica, Servizi Sociali e Bilancio. Ognuna di esse sarà composta da cinque elementi, di cui tre andranno alla maggioranza e due
all’opposizione. La seduta registrerà un momento di toccante commiato operativo con una figura che per oltre un decennio ha significato, al comune di Itri, l’Istituzione.

Francesco Bruno

Infatti, Francesco Bruno, segretario comunale per più di due mandati consiliari, il 30 giugno andrà in pensione. Si era parlato anche di un suo impegno, a convenzione, presso il comune di Minturno, ma la crisi amministrativa nella città di Traetto potrebbe non garantire, l’accettazione, da parte del commissario prefettizio, Vincenzo Greco, di tutti gli atti
preventivati o in itinere cantieristico presi in considerazine dal primo cittadino decaduto. A succedere a Bruno non è per ora dato sapere chi potrebbe essere, trattandosi di una scelta che ricade univocamente sulla persona del sindaco, senza che il consiglio o altri organi possano interferire e De Santis comunicherà il nome del nuovo direttore generale
(questa è la nuova didascalia della carica di segretario comunale) ai primi giorni di luglio. In paese si era parlato della possibilità di impegno operativo per Luigi Pilone, pugliese di origine, da anni residente a Itri. Ma Pilone, già distintosi nella guida di tanti comuni fuori regione e di quelli di Ponza e della fascia lepina (Roccasecca dei Volsci, Prossedi, Priverno, Sermoneta) prima di giungere a Terracina, dove attualmente il neo sindaco Nicola Procaccini lo ha confermato nell’incarico che già aveva già brillantemente rivestito durante l’amministrazione Nardi, non sarebbe intenzionato a rinunciare alla qualifica (1^ B) che gli proviene dal servizio effettuato presso un comune della portata demografica e dalle problematiche complesse come, appunto, Terracina.

Nell’agenda politica si è poi appreso ieri che verrà discusso il 6 ottobre prossimo il ricorso, presso la sezione di Latina
del TAR regionale, presentato da Igor Ruggieri, primo dei non eletti nella lista “Con voi per Claudio Cardogna sindaco”, il quale contesta l’ingresso in consiglio a Mario Petrillo, UDC come lui, per soli due voti a favore di Petrillo (344 contro 342). E anche attorno a questa vicenda c’è tanto interesse in paese.

Per quanto riguarda l’approvazione del Bilancio comunale, invece, sarà il consiglio di giovedi 7 luglio a doversene interessare, come stabilito dalla conferenza dei capigruppo di venerdi.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social