EVASIONE FISCALE: LE FIAMME GIALLE ESEGUONO 45 FERMI, C’E’ ANCHE IL PRESIDENTE DI CONFCOMMERCIO ROMA. ARRESTI ANCHE A GAETA E APRILIA

Cesare Pambianchi

Quarantacinque ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dalla magistratura romana nei confronti, tra gli altri, di imprenditori e professionisti nell’ambito di un’inchiesta su un presunto giro di evasione fiscale. Tra i destinatari dei provvedimenti restrittivi anche il presidente di Confcommercio di Roma Cesare Pambianchi ed il commercialista Carlo Mazzieri.

Tra gli arrestati anche Claudio Francisci titolare di due case di cura private ad Aprilia, e tre cittadini di Gaeta, Salvatore De Meo, la moglie Patrizia Di Mille, titolari del gruppo De Meo oltre al commercialista Ettore Sperduti, tutti ai domiciliari. Inoltre i gruppi societari Conad del Tirreno, Di Veroli, Mangione, Gelfusa, sono coinvolte nell’operazione. Tra gli arrestati figurano: il presidente del gruppo Conad del Tirreno, Silvano Ferrini, e l’amministratore delegato dell’azienda, Ugo Baldi; l’ex dirigente del gruppo, Ettore Conti; i titolari del gruppo Rocher di Prato, Carlo Rosano, Orazio Ferrari, Pietro Cervasio, Andrea Baldi e Luigi Minischetti, presidente del Banco di Lucca; per il gruppo Visa (società d’abbigliamento e non legata a quella delle carte di credito), Vito Hai Arbib ed Elia Sandro Fargione; i titolari del gruppo immobiliare Guido e Michele Di Veroli, suo figlio; i titolari del gruppo di autosaloni Mangione, Renato Mangione e i figli Luciano e Bendetta; per il gruppo Gelfusa, che gestisce il gruppo di vigilanza privata Centralpol, i fratelli Claudio e Gaetano Gelfusa, Franco Flaminio Tripodi residente a San Felice Circeo, Massimo Giorgioni, Marco Bocci e Renato D’Amore.

L’indagine, dei Pm Francesca Loy, Francesco Ciardi e Sabina Calabretta (coordinati dal procuratore aggiunto Nello Rossi), riguarda un meccanismo di elusione fiscale attuato attraverso il trasferimento all’estero, specie in Bulgaria ed Inghilterra, di società in stato prefallimentare. Agli arrestati, la metà circa in carcere e il resto ai domiciliari, sono contestati a vario titolo l’associazione a delinquere, la bancarotta fraudolenta, il riciclaggio, reati fiscali, emissione di fatture false e appropriazione indebita. L’inchiesta della Guardia di Finanza e della Procura di Roma riguarda complessivamente un’ottantina di persone tra cui anche bancari, avvocati, notai e appartenenti ai gruppi Conad e Centrapol. E’ stato inoltre disposto il sequestro di beni e valori per oltre 80 milioni di euro.

Cesare Pambianchi, oltre ad essere Presidente di Confcommercio Roma, è stato eletto Presidente di Confcommercio Lazio nel novembre 2004. Fa parte del Consiglio Confederale di Confcommercio ed è Consigliere del CREL, Consiglio Regionale dell’Economia e del Lavoro. Pambianchi è anche membro del Consiglio d’Amministrazione di Aeroporti di Roma, della Fiera di Roma spa. e vice Presidente del C.A.R.spa, Centro Agroalimentare di Roma. Inoltre, è Presidente di Sanimpresa, la nuova Cassa di Assistenza Sanitaria Integrativa del Terziario e Presidente di IMM.UNI.COR spa, immobiliare dei commercianti.

[ANSA]

You must be logged in to post a comment Login

h24Social