GIOVENTU’ RIBELLE, LA MOSTRA AL CASTELLO ANGIOINO PER IL 150ESIMO DELL’UNITA’

L’Università degli Studi di Cassino, in collaborazione con l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano ed il Comune di Gaeta attraverso il Comitato cittadino del 150esimo, sta organizzando una mostra dal titolo «Gioventù Ribelle. Il Volturno, Gaeta e l’Unità d’Italia» che si svolgerà nel Castello Angioino di Gaeta. L’inaugurazione ci sarà mercoledì 28 giugno alla presenza di Giuliano Amato (Presidente del Comitato dei garanti per le celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità Nazionale), del ministro per la Gioventù Giorgia Meloni, del Rettore dell’Università di Cassino Ciro Attaianese, del presidente dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, Romano Ugolini, e del sindaco di Gaeta Antonio Raimondi.

“Le manifestazioni relative al 150esimo Anniversario dell’Unità d’Italia si arricchiscono di un’altra iniziativa di prestigio che rende onore alla città di Gaeta ed al suo percorso di conoscenza e diffusione di elementi storici che sono utili alla comprensione delle vicende che portarono all’unità nazionale – afferma l’assessore alla Cultura Salvatore Di Ciaccio – La mostra si svolgerà, insieme a convegni ed incontri tematici, nel Castello Angioino, maestosa opera del XIII secolo, che nel 1999 fu affidato all’Università di Cassino e dopo svariati anni restituito, anche se solo in alcuni spazi, alla pubblica fruizione”.

La sala centrale sarà dedicata alla figura della Regina Maria Sofia, moglie di Francesco II di Borbone, vera animatrice della difesa di Gaeta. Due sezioni laterali mostrano il ruolo che ebbero i garibaldini nella battaglia del Volturno e le modalità dell’assedio della fortezza da parte del Generale Enrico Cialdini. Sono esposte fotografie di Giorgio Sommer che ritraggono la Regina direttamente impegnata sugli spalti del castello, oltre a litografie e pitture originali.

Verrà esposto il libro d’oro della spedizione dei Mille con foto, schede biografiche e modalità di partecipazione all’impresa garibaldina, ed i dipinti di Michele Tedesco e Antonio Licata, insieme alle litografie del 1861 che raccontano le varie fasi della guerra, i bombardamenti, i posizionamenti delle artiglierie borboniche, gli incendi e le rovine procurate dai cannoni durante l’assedio.

Il materiale iconografico, tutto di alto pregio e valore storico, è fornito alla mostra dall’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano. La mostra rimarrà aperta tutti i giorni fino al 28 agosto e successivamente su prenotazione tutti i fine settimana fino al 30 ottobre 2011. Ulteriori informazioni saranno disponibili su www.150gaeta.org e sul sito dell’Università di Cassino www.unicas.it.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social