SEQUESTRO AL PORTO ROMANO DI UN LOCALE SCAVATO NEL TUFO

Nei scorsi giorni, dopo un’accurata attività investigativa corroborata da appostamenti, sopralluoghi ed accertamenti presso l’ufficio tecnico del comune isolano, i militari della Brigata di Ventotene e della IV Squadra Unita’ Navali hanno posto i sigilli ad un locale nell’area del Porto Romano realizzato attraverso lo scavo della parete tufacea all’interno di una grotta già esistente, creando in tal modo un aumento di volumetria interna senza alcun titolo autorizzativo e in violazione alle normative vigenti.

Il proprietario dell’immobile e la ditta sono stati denunciati alla competente Autorità Giudiziaria e dovranno ora rispondere di reati in concorso finalizzati all’esecuzione di interventi edilizi in zone sottoposte a vincolo storico, artistico, archeologico, paesaggistico, ambientale e in assenza del permesso a costruire.

You must be logged in to post a comment Login

h24Social