CONTRO LA PIRATERIA, MILITARI E CONTRACTORS SULLE NAVI ITALIANE

Via libera alla presenza di militari e contractor sulle navi italiane che transitano al largo delle coste ritenute ad alto pericolo di sequestri. Alla presenza dei rappresentanti del governo, di parlamentari di maggioranza e opposizione e dei rappresentanti di esercito e marina durante un incontro a Montecitorio, è arrivato il via libera al provvedimento, che sarà sancito nelle prossime settimane con un decreto del governo o con una nuova proposta di legge. A carico degli armatori le spese per l’imbarco del personale armato. Intanto sono ancora nelle mani dei pirati somali i membri dell’equipaggio della Savina Caylyn, la petroliera italiana sequestrata lo scorso 8 febbraio mentre si trovava in navigazione al largo delle acque Somale. E con loro il direttore di macchine gaetano Antonio Verrecchia.

***ARTICOLO CORRELATO*** (VIDEO intervista a moglie e figlia del direttore di macchina Antonio Verrecchia – 8 febbraio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (intervista a Nino Di Maggio, presidente Amare Gaeta – 9 febbraio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (il sindaco Raimondi esprime vicinanza alla famiglia Verrecchia – 9 febbraio -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Verrecchia ancora in mano ai pirati – 14 marzo -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Verrecchia sente i famigliari – 15 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Paura a bordo della Savina Caylyn, l’equipaggio sente degli spari – 28 aprile -)

***ARTICOLO CORRELATO*** (Fiaccolata a Procida per i marinai sequestrati sulla Savina Caylyn – 30 aprile -)

You must be logged in to post a comment Login

h24Social