BOOM DI PESCI A VENTOTENE

ventoteneANSA: E’ boom di pesci a Ventotene, area marina protetta dal 1997. Mentre prima trovare una cernia era un evento raro, oggi, in una singola immersione, un sub puo’ contarne anche una decina, tutte insieme. E’ quanto hanno osservato gli esperti del gruppo di Ecologia marina dell’Universita’ La Sapienza di Roma, che hanno effettuato un monitoraggio visivo (‘Visual census’), facendo diverse immersioni ripetute nel tempo e seguendo gli stessi percorsi, a varie profondita’, fra i 10 e i 40 metri. Dopo l’istituzione dell’area protetta, ”per un periodo di tre, quattro anni – racconta Giandomenico Ardizzone, docente dell’Universita’ La Sapienza – non si e’ osservato nulla di particolare.

Poi hanno cominciato ad arrivare pesci in quantita’, come cernie, ricciole, saraghi, corvine, che sapevamo presenti nella zona, ma in una misura ridotta”. Il punto e’ che il grande ritorno dei pesci e’ legato probabilmente al fatto che tanti animali non si sono piu’ nascosti e sono usciti allo scoperto. ”Il caso di Ventotene – afferma l’esperto – dimostra un aumento di pesci in un lasso di tempo troppo breve per poter essere spiegato con i tempi biologici di ripopolamento”. Il che significa che hanno capito di non temere pericoli dall’ uomo e sono diventati piu’ ‘amichevoli’. ”Non solo la cernia, in genere timida e paurosa, ma tanti altri pesci – conclude Ardizzone – hanno ripopolato il fondale, che prima era un deserto”.

Comments are closed.

h24Social