IMPORTANTE RITROVAMENTO ARCHEOLOGICO A VENTOTENE

ventoteneQualche giorno fa a Ventotene la Soprintendenza Archeologica del Lazio ha dato notizia di uno straordinario ritrovamento archeologico avvenuto nelle acque della piccola isola.

Grazie alla collaborazione con una società americana specializzata nel ritrovamento di tesori sommersi è stato infatti possibile condurre una accurata campagna di monitoraggio subacqueo attraverso l’impiego di tecniche sofisticatissime di ricerca che hanno portato ad una scoperta
eccezionale: ben cinque navi perfettamente conservate, di epoca romana e non solo, sono state scoperte nelle acque dell’area marina protetta, alcune delle quali cariche di merci e vasellame mai visto prima. Si tratta di uno dei ritrovamenti più importanti dell’ultimo secolo, afferma la Soprintendenza, e a breve partiranno specifiche campagne di recupero.
Una tale notizia, solo dieci anni fa, avrebbe avuto una risonanza enorme, soprattutto all’interno della piccola comunità isolana, e l’allora sindaco Beniamino Verde, scomparso tragicamente nel 1999, ne avrebbe tratto spunto di orgoglio enorme per il piccolo museo archeologico dell’isola e per la cittadinanza tutta.
In ben altro modo l’attuale giunta comunale ha accolto e diffuso la notizia: alla conferenza stampa organizzata in Comune infatti era presente un solo assessore, che avvertito all’ultimo momento si è presentato in calzoncini e ciabatte e non ha saputo far altro che introdurre brevemente gli ospiti del Ministero dei Beni Culturali.
Sindaco, vicesindaco e assessore alla cultura erano assenti ingiustificati.
Questo la dice lunga sulla scala dei valori che contano per l’attuale giunta comunale, che appena un mese fa ha commentato laconicamente il riconoscimento di Ventotene come Patrimonio Europeo come semplice “occasione per chiedere fondi per fare altre strade”.

Comments are closed.

h24Social