COLDIRETTI LATINA : AZIENDE OLIVICOLE PONTINE SUL PODIO ALL’ERCOLE OLIVARIO

“La nostra agricoltura ha delle eccellenze che vanno difese e che devono essere sempre più un patrimonio per tutti”. Con queste parole, Saverio Viola, direttore della Coldiretti di Latina, commenta l’importante affermazione dell’olio pontino al recentissimo prestigioso premio dell’Ercole Olivario. L’extravergine DOP “Colline Pontine” dell’Azienda Agraria Biologica Paola Orsini di Priverno, nella categoria per il fruttato medio, si è classificato al primo posto mentre, per la categoria dell’olio extravergine di oliva, fruttato intenso, altre due imprese pontine si sono classificate ai primi due posti. Si tratta dell’azienda agricola Tenuta Piscoianni di Sonnino, risultata prima classificata  seguita, al secondo posto, dall’azienda agricola Alfredo Cetrone di Sonnino. Successo pure per l’olio biologico con una menzione speciale assegnata all’azienda agraria biologica di Paola Orsini di Priverno.

“Si tratta di un’affermazione importante e significativa che premia gli sforzi fatti dagli imprenditori del settore – ha detto Carlo Crocetti, presidente Coldiretti Latina. Anche le ottime affermazioni che gli olivicoltori hanno raggiunto permettono di innalzare l’attenzione sul settore che ha bisogno anche di una nuova proposta di legge per tutelare il settore che garantisce in tutto il Paese 60 milioni di giornate agricole lavorative”.

All’edizione di quest’anno hanno partecipato 275 aziende olivicole italiane provenienti da 17 regioni diverse mentre i finalisti sono stati  89. La cerimonia di premiazione con la consegna dei tempietti di Ercole Olivario si è tenuta sabato scorso.

“L’Ercole Olivario – ha sottolineato ancora Viola – rappresenta un volano importante per la promozione del territorio dove si produce l’olio. Come Coldiretti siamo particolarmente attenti a questa rassegna che ben si coniuga con il nostro progetto per una filiera tutta agricola e tutta locale”.

Categorie : attualitàLatinalazionotizie per cittàPrivernoProvincia di Latina

Tags: