CORI E “LA STRADA DEGLI STRAMMARI”

Nata 2004 per iniziativa della Compagnia dei Lepini, nell’ambito del Programma S.T.I.Le. (Sviluppo territoriale integrato dei Monti Lepini), approvato dalla Regione Lazio nel 2002 e finanziato con i fondi DOCUP, la “Strada degli Strammari” Cori-Roccamassima-Norma rappresenta un interessante itinerario storico – antropologico che rinvia ad un’antica tradizione locale.

“La Strada degli Strammari”, infatti, era quella che un tempo veniva percorsa da coloro che commerciavano quella che in dialetto veniva chiamata “la stramma”, una pianta dalla fibra particolarmente duttile che cresce sui Monti Lepini.

Gli strammari la raccoglievano e la trasportavano a valle per realizzare le coperture delle capanne dei pastori e dei contadini, ma anche per impagliare le sedie, le damigiane di vino e per la realizzazione di molti oggetti tipici della quotidianità rurale (ceste, gerle, borse, vesti per fiaschi, scope e oggetti decorativi di arredamento).

Con l’intento di realizzare tutte quelle condizioni necessarie allo sviluppo dell’economia locale, con particolare attenzione alla valorizzazione turistica del territorio, essa vuole essere anche un modo per conservare una tradizione, un simbolo della comunità ed un antico mestiere, che sembrano essere destinati a scomparire sotto l’effetto dell’industrializzazione, indubbia fonte di crescita del benessere collettivo, ma anche causa della progressiva perdita di consapevolezza da parte dell’uomo dell’importanza dell’ambiente e del territorio nella progettazione dello sviluppo futuro.

Lungo un percorso che punta a rivitalizzare anche l’enogastronomia locale, rivive un tempo ormai lontano in cui la comunità interagiva con l’ambiente circostante, rispettandolo ed integrandosi con esso, anche quando si rivelava impervio ed ostile all’uomo, conservandolo e valorizzandolo, sulla base di un profondo significato identitario strettamente legato alle radici delle tradizioni locali.

Nell’ambito di questo progetto la Città di Cori sta da tempo lavorando ad un processo di riscoperta e valorizzazione della propria cultura enogastronomica ed agro – pastorale, un iter iniziato con la promozione del “Canto della passione delle donne di Giulianello”, proseguito con la manifestazione “La Civiltà del Grano” e che continuerà con la Strada del Vino, di cui Cori è e sarà un protagonista assoluto vista la sua fama vitivinicola, e con la Via Francigena del Sud, progetti questi che intendono proiettare le risorse e le tradizioni del luogo in uno scenario più ampio, nazionale ed internazionale, che faccia della cultura locale il presupposto della futura economia della conoscenza su cui si baserà sempre più la competitività del sistema territoriale.

Categorie : attualitàCoriculturaNormanotizie per cittàRocca Massima

Tags:

RSSCommenti (0)

URL di trackback

I commenti sono chiusi.