MUZIO CRISTIANI SFATA IL TABU’, PRIMO TITOLO ITALIANO UNDER 14 PER IL CLUB SCHERMA FORMIA

Muzio Cristiani

L’ultimo giorno della kermesse di Rimini regala il trionfo di Muzio Cristiani nella prova Giovanissimi di Spada. Quattro giorni che erano stati avari di belle prestazioni da parte degli atleti formiani. Avevano aperto le danze Claudia Cardillo (ragazze), Antonio Galdi e Gianmarco De Luca (allievi) che si erano fermati agli inizi del tabellone di diretta con particolare rammarico per De Luca che aveva ottenuto 5 vittorie nel girone di qualifica. L’onda poco positiva continuava il terzo giorno di gare, bravi ma non all’altezza delle loro possibilità i ragazzi, con un combattivo Gaetano Chiarolanza, Gabriele Tullio (sfortunato nel sorteggio dell’avversario) e soprattutto Valentino Centola, sconfitto 15-14 ma penalizzato da un cartellino rosso evitabile con una maggiore attenzione. Nota più dolente quella delle allieve, fino a qualche stagione fa sempre ai vertici delle classifiche: assente a Rimini Angelica Colacchio, Maura Testa e Claudia Corona, dopo un altalenante girone di qualifica, si fermavano al primo assalto di diretta, al termine di incontri combattuti con poca grinta. Nell’ultima giornata la rivincita per i colori formiani: tra le giovanissime, l’ex campionessa regionale Camilla Perucchini, ancora poco matura in pedana, sfiora l’accesso alle prime 16 d’Italia pagando probabilmente le 2 sconfitte per 5-4 ottenute nel girone. Ma è toccato ai giovanissimi regalare le prestazioni più belle, con Mario Pontecorvo, Matto Villino, bravissimo nelle 5 vittorie ottenute nelle qualifiche e il bel cammino fino ai 16esismi dove è stato sconfitto di misura da Giorgio Ivaldi (Pompilio Genova, poi 5°) per accedere anch’egli ai primi 16 e giocarsi una possibile finale ad 8. Perfetta invece la gara di Muzio, mai sconfitto dal primo all’ultimo match della gara (ben 182 spadisti al via) e autore di alcuni fantastici match, in particolare negli ottavi capace di cambiare marcia nella seconda frazione del match, nei quarti dove ha con grande freddezza recupera uno svantaggio iniziale di 1-4, e in semifinale contro il bravo Alessio Preziosi del Circolo Ravennate dove ha piazzato il colpo vincente sul 9-9 dimostrando grande decisione. La finalissima contro il vercellese Pietro Pellizzaro lo ha visto invece sempre in vantaggio fino al 10-6 conclusivo che regala al Club Scherma Formia il primo titolo italiano under 14 sfatando un tabù incredibile: ben 17 medaglie d’argento ottenute in tutte le precedenti partecipazioni ma mai l’oro. Oggi grazie a Muzio questo alloro mancante entra nella bacheca del Club.

Categorie : Formianotizie per cittàschermasport

Tags:

RSSCommenti (0)

URL di trackback

I commenti sono chiusi.