Fondi, battuta d’arresto per la pallamano che rincorre l’A1

Fondi, battuta d’arresto per la pallamano che rincorre l’A1

Sono finite, in un clima caldo del palazzetto dello sport di casa, le ambizioni e le speranze dell’HC Fondi di poter agguantare la terza piazza del girone della Poule Promozione. A spegnere quella fiammella, il Teamnetwork Albatro Siracusa, che si è imposta per 22-28, facendo diventare praticamente ininfluenti i match di martedì contro il Padova e di sabato in trasferta contro il Trieste.

Peccato, perché l’approccio e le ambizioni dell’HC Banca Popolare Fondi erano di quelle degne dei campioni di una categoria. Il tabellino di marcia imponeva una vittoria con i siciliani, replicare tra le mura amiche nel turno infrasettimanale del 25 aprile e andarsi a giocare tutto sul difficile campo del Trieste, sicuramente già qualificato al girone unico dell’A1 nazionale della prossima stagione. Anche le prime battute di gioco facevano ben sperare. Il 6-2 per i padroni di casa dopo un terzo della prima frazione di gioco era incoraggiante, a maggior ragione se si considerava che la panchina era ancora più corta del solito per l’assenza per squalifica del pivot Dall’Aglio.

Una decisione arbitrale, però, ha rimescolato gli equilibri, quella dell’11’ pt, quando è stato espulso con rosso diretto Zizzo. Il fallo imponeva una sanzione, ma il rosso diretto, appariva come una misura un po’ esagerata. Quel fallo, quel cartellino e ancor più quell’assenza hanno cambiato gli assetti della gara.

Il primo pari raggiunto dagli ospiti, al 22’ della prima frazione (8-8), mentre le due squadre tornavano negli spogliatoi sull’12-11 per i padroni di casa. La ripresa ha siglato quasi subito il primo vantaggio per il Siracusa. Al 7’ della ripresa altre proteste su un nuovo vantaggio degli ospiti, che la mettevano alle spalle dell’estremo difensore rossoblù dopo un passivo non ravvisato. Il secondo tempo è scivolato via, senza neppure rendersene bene conto, tra attacchi sbagliati dei padroni di casa e gol in contropiede dei siciliani, per il definitivo 22-28 che infrange i sogni di un’incredibile rimonta per l’HC Banca Popolare Fondi.

Non è finito, però, l’arrembaggio al girone unico dell’A1 della prossima stagione. Dopo le ultime due giornate, infatti, il Fondi si scontrerà in un match da andata e ritorno contro una delle tre formazioni che si stanno salvando dalla Poule play-out. Scontro diretto da dentro o fuori che sancirà se i ragazzi allenati da mister De Santis meriteranno di giocare la prossima stagione tra i migliori d’Italia. Il regolamento darà un’ulteriore – e in quel caso ultima chance – anche alle tre perdenti degli scontri diretti, che si ritroveranno in un concentramento a 3 per ottenere l’ultimo biglietto per l’A1 2018-2019. Della serie nulla è perduto, ma dopo Padova e Trieste, sarà il caso di non fare più passi falsi.

Comments are closed.