Direttore del Mof licenziato e “umiliato”: risarcimento da 35mila euro

Direttore del Mof licenziato e “umiliato”: risarcimento da 35mila euro

“Come Uiltucs Latina ancora dobbiamo parlare di incapacità gestionale all’interno del Mof: dopo il licenziamento di un dirigente per mancato superamento del periodo di prova, la Mof spa deve infatti risarcire nei suoi confronti 35mila euro. A tale cifra si sono accordate le parti innanzi al giudice del Tribunale di Latina”. Lo scrive il segretario provinciale del sindacato, Gianfranco Cartisano.
“Abbiamo all’epoca impugnato il licenziamento e come categoria sindacale insieme ai nostri legali nei giorni scorsi abbiamo raggiunto l’accordo sul pagamento della somma di 35mila euro da corrispondere al lavoratore che svolgeva mansioni di rilievo nella società di viale Piemonte, all’interno del Mof di Fondi ed in particolar modo in questo caso direttamente con la soc Mof spa. Abbiamo assistito il nostro iscritto dalle contestazioni sino al riconoscimento del danno subito e questo è stato il risultato”.
“La Uiltucs Latina da tempo in quella struttura, specialmente con la governance del mercato ortofrutticolo di Fondi sostiene che debba esserci un cambio di passo vero e concreto, abbiamo sempre gridato la responsabilità della politica locale in una struttura come quella del Mof che potrebbe rispondere diversamente all’economia locale”.
“In questa situazione – incalza Cartisano – abbiamo constatato che contestare quel lavoratore nel suo lavoro quotidiano serviva a dar spazio ad altri; il lavoro è stato calpestato perché il lavoro tolto al nostro iscritto è andato a chi doveva andare. Riteniamo che il dirigente, mandato via dopo sei mesi a fronte di un contratto per più anni, non meritava l’umiliazione di essere mandato via “per mancato superamento del periodo di prova”.
Per la Uiltucs Latina “il gruppo dirigente del Mercato ortofrutticolo di Fondi, non dovrebbe perdere risorse economiche e tempo in queste vertenze (35mila euro nel caso della causa in questione corrispondono a circa 15 mesi di stipendio); gli operatori hanno bisogno di altro, un gruppo di testa non dovrebbe essere orientato alla ‘casta locale’, il cambio di passo dovrebbe essere nell’interesse di tutte le parti interessate compresi i lavoratori. Il Mof ha urgenza immediata di un cambio di rotta, non serve gettare un lavoratore per fare spazio ad altro lavoratore, e’ una lotta inopportuna. Al mercato ortofrutticolo di fondi servono risposte vere ed immediate prima che sia troppo tardi”.

Comments are closed.