Amnesty International Formia, 25 gennaio 2018: #2annisenzaGiulio

Amnesty International Formia, 25 gennaio 2018: #2annisenzaGiulio

Ho riconosciuto Giulio solo dalla punta del naso. Quello che è successo non è un caso isolato” –  Paola Deffendi, madre di Giulio

Giulio Regeni era un cittadino italiano e uno studente di dottorato presso l’Università di Cambridge, nel Regno Unito. Stava conducendo una ricerca sui sindacati indipendenti in Egitto nel periodo successivo al 2011, quando finì il governo di Hosni Mubarak. Era al Cairo per svolgere la sua ricerca quando, il 25 gennaio 2016, il quinto anniversario della “Rivoluzione del 25 gennaio”, è scomparso. Il suo corpo, con evidenti segni di tortura, è stato ritrovato nove giorni dopo, il 3 febbraio, in un fosso ai bordi dell’autostrada Cairo- Alessandria. Aveva il volto irriconoscibile, su cui “si era abbattuto tutto il male del mondo”, come ha raccontato la mamma Paola.

La brutale uccisione di Giulio Regeni ha scioccato il mondo, ma ha anche acceso i riflettori sul metodo delle sparizioni forzate praticato oggi in maniera sistematica in Egitto e che i ricercatori di Amnesty International hanno documentato attraverso fatti e testimonianze. Fin da subito è partita una grande campagna e migliaia di persone, enti, scuole di tutta Italia hanno esposto striscioni con la richiesta di verità per Giulio Regeni.

Insieme all’aiuto di tutti, Amnesty International vorrebbe esaudire il desiderio della famiglia Regeni: portare in piazza una candela gialla, il giallo Giulio, il 25 gennaio in tutte le piazze d’Italia, non una semplice manifestazione ma un abbraccio fortissimo di sostegno di tutta la Nazione intorno a Giulio e alla sua famiglia.

Il Gruppo Amnesty277 attivo da anni nel Basso Lazio, con il patrocinio e la partecipazione dell’Amministrazione Comunale della città di Minturno (LT), la partecipazione delle Associazioni locali interessate, tra cui CO.S.MO.S e Artikolate che hanno già dato loro adesione, le Scuole del comprensorio e dei singoli cittadini, il giorno giovedì 25 gennaio ore 19:41, presso la piazzetta antistante il Palazzo Comunale di Minturno (via Principe di Piemonte n.9), organizza un sit-in in ricordo di Giulio Regeni, con l’accensione di fiaccole.

A seguire, verrà effettuata sulla facciata principale del Palazzo Comunale l’affissione dello striscione “Verità per Giulio Regeni”, offerto dal Gruppo locale di Amnesty International.

Le adesioni dei singoli cittadini, scuole e associazioni culturali verranno mano mano indicate nella pagina Facebook di Amnesty Formia.

 Pagina fb dell’evento

Maggiori informazioni e per comunicare la propria adesione:

gr277@amnesty.it

Comments are closed.

H24@SocialStream
[ff id="1"]
[ff id="2"]