Fondi, risarciti i genitori della bimba immersa per errore nell’acqua bollente

Fondi, risarciti i genitori della bimba immersa per errore nell’acqua bollente

Alla fine, dopo un lungo braccio di ferro, la compagnia assicurativa dell’Asl ha pagato e i genitori della bimba nata il 17 dicembre 2014 all’ospedale di Fondi, immersa per errore nell’acqua bollente durante il primo bagnetto e rimasta così vittima di gravissime lesioni, hanno ritirato la costituzione di parte civile nel processo all’infermiera accusata di quel tragico errore.

La piccola ha perso tre dita di un piede, ha riportato gravi danni estetici, alla deambulazione e lesioni profonde all’apparato genitale. Difesi dall’avvocato Roberto Guglielmo, il papà e la mamma della piccola sono riusciti a recuperare del denaro per poter almeno sostenere le cure necessarie alla bambina.

A costituirsi parte civile è stata però ora la nonna della bimba, assistita dall’avvocato Valentina Macor, e il processo all’infermiera G.V., 47 anni, di San Cosma e Damiano, imputata per lesioni colpose, va avanti.

La prossima udienza, in cui dovranno essere ascoltati i testimoni del pm e la stessa infermiera, è fissata per il prossimo 26 giugno.

 

Comments are closed.

H24@SocialStream
[ff id="1"]
[ff id="2"]