Ex Tribunale di Gaeta e Terracina, il caso dei fascicoli “dimenticati” torna a Montecitorio (#VIDEO)

Ex Tribunale di Gaeta e Terracina, il caso dei fascicoli “dimenticati” torna a Montecitorio (#VIDEO)

E’ finito nuovamente nelle aule di Montecitorio il “caso” che riguarda i fascicoli delle ex sezioni di Gaeta e Terracina, che ora si trovano accatastati in un deposito intermodale di Latina. Fascicoli sia penali che civili, ancora pendenti, dimenticati.

Lo scorso 6 dicembre Luca Frusone, portavoce alla Camera del Movimento Cinque Stelle ha presentato una nuova interrogazione al Ministero della Giustizia: “C’è un’incresciosa situazione – dichiara il portavoce alla Camera del Movimento Cinque Stelle, Luca Frusone- che si è venuta a creare presso il deposito della cancelleria del Tribunale di Latina, dove dal 2013 decine di migliaia di fascicoli giudiziari delle soppresse sezioni distaccate di Gaeta e Terracina sono irreperibili in quanto accatasti in un luogo dove gli stessi cancellieri rifiutano di addentrarsi per le pessime condizioni igieniche.”

“Possibile che migliaia di processi siano sospesi perché non si è riusciti a dare un’idonea collocazione a questa mole rilevante di documentazione giudiziaria?” Questo l’interrogativo del deputato 5 stelle che aggiunge: “faccio presente che molti giudizi riguardano casi di criminalità organizzata essendo noto che il Basso Lazio da decenni è oggetto di infiltrazione da parte di cosche camorristiche”

“Nella seduta 870 del 13 ottobre scorso – conclude Frusone – abbiamo sollevato la questione con un’interrogazione parlamentare a prima firma di Paolo Niccolò Romano, speravamo almeno che con l’uscita di articoli di stampa si sbloccasse la situazione, ma non è successo. La domanda nasce spontanea, il Governo è consapevole che con questo lassismo sta favorendo potenziali camorristi? Chiedo che il ministero della Giustizia ponga fine a questa ingiustizia procedendo affinchè sia data la giusta sistemazione a tutti questi fascicoli giudiziari. Chiedo pertanto alla presidenza di sollecitare l’interrogazione e il Governo su tutta questa vicenda.”

Comments are closed.

H24@SocialStream