Cantiere Casello 45, la Tfz Ingranaggi diffida la Città Metropolitana

Cantiere Casello 45, la Tfz Ingranaggi diffida la Città Metropolitana

Ad Aprilia la tensione per i lavori previsti al casello ferroviario 45 è alta. La Città Metropolitana ha disposto la chiusura della provinciale Cavallo Morto e in futuro intende chiudere anche via Vesuvio, isolando così un quartiere popoloso e creando notevoli problemi alle aziende lì presenti. Dopo la protesta di questa mattina in quella zona, ad alzare la voce è così proprio una delle aziende, la Tfz Ingranaggi srl di via Vesuvio, che tramite l’avvocato Fabio Tonelli ha inviato una diffida alla Città Metropolitana. Un documento inviato per conoscenza anche alla Regione Lazio, alle Prefetture di Latina e Roma, alla Rfi spa e ai Comuni di Aprilia e Nettuno.

Non avendo ricevuto risposta a una precedente nota, l’avvocato Tonelli sostiene che l’atteggiamento dell’ente “denota palese non curanza degli interessi della popolazione civile e della realtà industriale di via Vesuvio, interessata dai lavori”.

Nella diffida il legale ha specificato che lo stop all’accesso dei mezzi pesanti metterà in ginocchio tanto la Tfz, che dà lavoro a 80 operai, quanto la controllante Didimo Zanetti spa, dove lavorano 125 persone, bloccando l’attività delle due società e facendo perdere loro tutte le commesse.

L’avvocato Tonelli diffida così la Città Metropolitana dall’eseguire i lavori così come previsti, trovando delle soluzioni alternative per la mobilità, preannuncia una richiesta di risarcimento danni e chiede che alla Tfz vengano consegnati tutti i documenti relativi al cantiere di casello 45.

Comments are closed.

H24@SocialStream
[ff id="1"]
[ff id="2"]