Addio disordine in casa, spopola anche in Italia il metodo “Flylady”

Addio disordine in casa, spopola anche in Italia il metodo “Flylady”

Cos’e’ il metodo Flylady? Non bisogna lasciarsi trarre in inganno nel fare la traduzione dall’inglese all’italiano, il risultato sarebbe scorretto. Perchè Flylady, ossia “signora volante”, è una soluzione che aiuta chiunque ad organizzare a tenere pulita la propria dimora, eliminando il disordine e stabilendo semplici regole di routine, per ottenere la casa sempre bella, fresca e profumata.

Questo metodo, nasce il l 7 dicembre 1999. Qualcuno ha chiesto aiuto alla Statunitense Marla Cilley, l’ideatrice del metodo, e il gruppo di “Mentoring FlyLady” ha avuto inizio. Questa organizzazione sta prendendo piede velocemente anche in Italia, con un seguito di un milione di followers.

Con una iscrizione gratuita <> così scrive l’inventrice del sistema, Marla Flylady, invierà passo dopo passo, quotidianamente, consigli e vere e proprie video lezioni di “FLYing”, agli utenti. Attraverso le babysteps, lei imposterà la routine, aiutando a sbarazzarsi del disordine e mettere in ordine la casa cambiando anche lo stile di vita, in base alla propria esperienza personale.
Le tre regole base del club sono: Ciò che non importa, non importa. Ridere ogni giorno. Anche se è a te stesso. Amare come se non ci fosse un domani.

Fly Lady, sembra una Mary Poppins futuristica. Molte persone testimoniano a favore di questa “superta” magica asserendo che questo sistema abbia salvato le loro vite private e continuano a seguirlo e a benedirlo!
Un esempio dei suggerimenti dell’autrice sono: Stabilire piccole routine prima e poi lavorare a più elementi. Scegli tre cose per la mattina e tre cose per la sera. La coerenza è la chiave di tutto questo. Dobbiamo fare il nostro tempo con le nostre routine. Non succede durante la notte. È il risultato di piccoli cambiamenti durante diversi mesi. Piccoli passi!

Prenditi il ​​tuo tempo e goditi il ​​processo. Non si sente pressato per fare tutto in una volta. Vale la pena di andarsene lento. Ci vogliono 28 giorni per stabilire un’abitudine. È la pratica che lo fa funzionare. 

L’idea di Marla Cilley è quello di aiutare le persone e a quanto pare, ci sta riuscendo!

(gentilmente concesso da Jessika Cretella)

Comments are closed.

H24@SocialStream
[ff id="1"]
[ff id="2"]