Voto di scambio, slitta di nuovo la decisione sul sindaco e gli altri

Il sindaco Sandro Bartolomeo

Ennesimo rinvio dell’udienza preliminare per il sindaco di Formia, Sandro Bartolomeo, il funzionario comunale dell’ufficio ambiente Gino Forte e l’imprenditore Gennaro D’Angiò, accusati, a vario titolo, di voto di scambio e abuso d’ufficio relativamente all’affidamento dei lavori per la pulizia delle spiagge, ottenuti dalla “Impero Romano”, per un importo complessivo di circa 60mila euro.

A dover decidere sulle richieste di rinvio a giudizio formulate per i tre imputati è il giudice Salvatore Scalera, che ha fatto slittare l’udienza al 29 giugno, per un impedimento del difensore del primo cittadino, l’avvocato Luca Scipione.

Secondo il pm Alfredo Mattei si sarebbe trattato di assegnazioni fatte  eludendo le norme sugli appalti. La “Impero Romano”, società nata pochi giorni dopo la vittoria delle elezioni amministrative 2013 da parte di Sandro Bartolomeo, secondo gli inquirenti avrebbe avuto quegli affidamenti in cambio del sostegno garantito al primo cittadino.

Tags
Vai alla homepage di

Leggi anche

Top