NIENTE BOTTI A CORI, L’ASSEGNO VA ALLA SCUOLA… E IL MINISTERO RINGRAZIA

Massimiliano Pistilli

Lo scorso 8 maggio, a conclusione della serata clou dei festeggiamenti in onore della Madonna del Soccorso, Amedeo Minghi ha consegnato nelle mani del dirigente dell’istituto comprensivo Cesare Chiominto, Paolo Ippoliti, un assegno di 1.500 euro.

Quest’anno, infatti, il comitato organizzatore della festa in onore della Patrona Populi Corani e l’associazione culturale Cori nel Mondo hanno deciso di rinunciare al tradizionale spettacolo pirotecnico di fine evento per devolvere, in modo più intelligente e concreto, il corrispettivo dei fondi a favore degli studenti e delle strutture che li accolgono.

L’iniziativa è stata apprezzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che ha ringraziato per iscritto i soggetti interessati per il contributo messo a disposizione delle scuole locali affinché si possa potenziare l’attuale dotazione di quelle strumentazioni tecnologiche atte a consentire una moderna e adeguata formazione degli alunni. La somma verrà destinata alla realizzazione di un progetto che prevede, grazie anche agli impegni assunti dalla Fondazione Roma, una  più avanzata didattica nei due plessi scolastici della scuola primaria  di  Cori e Giulianello.

“Abbiamo fatto la scelta giusta e questa lettera ne è la conferma – spiega il presidente del comitato Massimiliano Pistilli – interpretando il sentimento  di tutto il personale scolastico, dei genitori e degli scolari. In modo pratico abbiamo reso un piccolo servizio alla comunità, perché i nostri ragazzi sono il futuro di Cori. Contemporaneamente abbiamo coinvolto la cittadinanza, non solo e non tanto perché i fondi devoluti sono in parte quelli da essa offerti per l’organizzazione della manifestazione ma soprattutto perché la maggior parte dei cittadini si era raccomandata che quei soldi non fossero sprecati in botti, in un momento in cui le priorità collettive sono ben altre”.

Comments are closed.

H24@SocialStream