L’ANDREOLI ESPUGNA VIBO E SI PORTA A LATINA I TRE PUNTI

L’Andreoli torna dalla Calabria con un carico pieno di tre punti. Conferma la buona prestazione di Modena e riscatta quella ad intermittenza contro Castellana. Subisce il buon inizio della Tonno Callipo specialmente al servizio e riesce a ribaltare con 1-3 (25-16, 23-25, 22-25, 17-25) la gara a proprio favore anche grazie ad un Kovecevic nominato dagli addetti ai lavori come miglior giocatore della gara.

Primo set con la Tonno Callipo che allunga subito sui servizi di Simeonov 7-1 irresistibile in tutti i fondamentali (9 punti) che chiude il set con un doppio ace sul 25-16. Secondo set con Vibo che allunga di tre lunghezze (5-2) grazie al muro, Latina recupera ma poi non finalizza i contrattacchi e subisce ancora i servizi dei calabresi (18-15), con tenacia rimane in partita e sul finale riesce a chiudere il set a proprio favore sul 23-25. Terzo set con equilibrio fino al 12 pari, l’Andreoli fa un break con un muro di Starovic, vantaggio che lo porta fino al termine del set chiuso sul 22-25. Quarto set con Nikolov in campo, primo allungo dell’Andreoli con un muro di Spairani (5-8), ma i pontini approfittano degli errori avversari e incrementano il vantaggio chiudendo il set con un eloquente 17-25.

Giampaolo Medei propone Sottile in regia e Starovic opposto, Kohut e Spairani centrali, Kovacevic e Vujevic schiacciatori e Pieri libero. Di Pinto risponde con la diagonale palleggiatore-opposto composta da Coscione e Simeonov, Suljagic-Barone al centro, Anderson e Rivera di banda e Ferraro libero. Subito avanti i locali sui servizi di Simeonov che contrattacca il 3-1, muro (4-1), fallo di seconda linea di Sottile e sul 5-1 Medei chiama tempo. Si riprende con un errore di seconda linea di Vujevic (6-1) e un ace di Simeonov (7-1). Ace di Kovaceic (8-4), pipe di Anderson (11-5), muro di Spairani (11-7), muro di Simeonov (13-7) ch poi mette a segno un altro ace (16-9). Si riprende dal tempo tecnico con un muro di Barone (17-9), Starovic (19-13), il set si chiude con un doppio ace di Simeonov sul 25-16.

Confermati i sestetti nel secondo set. Muri di Barone e Coscione (4-2), ace di Anderson (5-2) e Medei ferma il gioco. Muro di Spairani (6-5), doppio errore Anderson e Rivera e l’Andreoli va avanti 7-8. Muro di Coscione (12-10), errore di Spairani (16-13). Vujevic accorcia a meno uno (16-15) ma Rivera mette a segno un altro ace (18-15) e Medei chiama tempo. Dentro Gitto per alzare il muro su Sottile e Kovacevic mette a segno il fondamentale (20-19), poi Simeonov manda fuori e sul 20 pari Di Pinto chiama tempo. Errore Latina (22-20), muro di Vujevic (22-22) e ace di Kovacevic (22-23) e Di Pinto ferma il gioco. Il set si chiude con un errore in attacco di Simeonov sul 23-25. Terzo set con ace di Kovacevic (3-4), muro di Suljagic (6-5) e invasione di Cosione (6-7). Muro di Anderson (10-9) e di Barone (12-10) e Medei ferma il gioco. Ace di Kovacevic ed errore di Simeonov (13-12). Muro di Starovic (15-17), sul 20-21 dentro Nikolov, il set si chiude con un errore di Simeonov sul 22-25. Di Pinto conferma Nikolv nel quarto set, muro di Barone (1-0), Anderson (3-1), doppio ace di Kovacevic (4-5) e Di Pinto ferma il gioco. Si riprende con un errore di Rivera (4-6) e poi Spairani mura il 5-8. Dentro Ferraro al posto di Rivera nel giro dietro, ace di Anderson (11-12), contrattacco di Starovic e poi di Kohut (11-15) sui servizi insidiosi di Kovacevic. Si ripredne dal tempo tecnico con un muro di Vujevic (12-17) e i calabresi chiedono timeout. Spairani (13-19), errore di Rivera e poi di Nikolov (13-21), ancora Spairani di prima intenzione (14-23), errore di Starovic e fallo di Sottile 17-23 e Medei chiede tempo. Il match si chiude con una difesa poi finalizzata in contrattacco di Vujevic sul 17-25.

Giampaolo Medei: –“I risultati che si fanno danno il reale valore di una squadra e noi siamo stati molto altalenanti in questo campionato. Oggi che era un match impegnativo siamo riusciti a prenderci i tre punti. Siamo arrivati a questa partita dopo dieci giorni di grosse difficoltà, al di là delle individualità se questa squadra riesce a esprimersi in questa maniera può fare punti ovunque. Il primo nostro obiettivo è allenarci in maniera continuativa. Giocare in questo modo a noi non ci viene naturale, la sconfitta di Castellana ci ha fatto reagire perché credevamo giovedì di vincere. Per noi ora è d’obbligo scendere in campo con determinazione contro tutti anche sabato contro Cuneo”.

Vincenzo Di Pinto: -“quello che è successo è semplice, s non si gioca a pallavolo è difficile vincere. Questo è un momento in cui non ci viene facile fare le cose semplici. Abbiamo perso un’occasione perché Latina non era al meglio. Adesso manca il ritmo e il lavoro di palestra. Per noi è un annata molto positiva dove abbiamo fatto molti più punti di quelli che avevamo messo in preventivo. Ma questo non significa che dobbiamo mollare. Siamo in un momento bruttino per noi”.

Candido Grande: “Mi fa piacere aver ritrovato tutti gli amici in questo che per me è un derby ma molto di più la vittoria. Eravamo in condizioni fisiche precarie ma abbiamo risposto con una ottima prestazione”.

Tonno Callipo Vibo Valentia: Suljagic 5, Simeonov 24, Anderson 12, Barone 11, Coscione 4, Rivera 10; Fanuli (L), Ferraro (L), Nikolov 1; n.e: Kindgard, Ananiev, Feroleto, Baroti. All. Di Pinto

Andreoli Latina: Vujevic 10, Spairani 12, Starovic 16, Kovacevic 22, Kohut 7, Sottile 1; Pieri (L), Gitto. N.e: Nonne, Popelka, Labardi. All. Medei

Arbitri: Cipolla e Castagna.

Comments are closed.

H24@SocialStream