MINTURNO: A RISCHIO I PROCESSI DEL GIGOLO’

Truffatore gigolò o affetto da grave disturbo di personalità di tipo narcisistico border line? Il minturnese Andrea T., reso celebre dalle truffe perpetrate a ignare amanti della provincia di Latina e non solo, non smette di far parlare di sè. Già condannato a sei anni e otto mesi in primo grado, ieri presso la Corte d’Appello di Roma, difeso dall’avvocato Pasquale Cardillo Cupo, la perizia psichiatrica del luminare Stefano Ferracuti sembra aver spazzato ogni dubbio. T., attualmente presso la clinica Sorriso sul Mare di Formia, «ha una personalità dissociata – si legge nella perizia – ed è impossibilitato a prendere parte ai processi che lo riguardano». La Corte d’Appello dopo essersi ritirata per deciderre se predisporre il trasferimento dell’uomo presso l’Opg di Aversa, ipotesi decaduta, ha deciso di aggiornarsi al 6 giugno 2011 invitanto il personale medico della clinica formiana a mensili verifiche sullo stato psichiatrico dell’uomo. Se la perizia verrà confermata, ogni sentenza su di lui verrà di fatto annullata.

Comments are closed.

H24@SocialStream