IL LADRO DI PELLICCE FINGE UN MALORE ED EVADE DALL’OSPEDALE, ACCIUFFATO DALLA POLIZIA DI CISTERNA

Giuseppe BURO

Giuseppe BURO

E’ stato fermato alle prime luci dell’alba, nei pressi del Pronto Soccorso di Cisterna dagli agenti della Squadra Volante del Commissariato P.S. Di Cisterna di Latina Giuseppe BURO, 48 enne di Napoli.

L’uomo èra fuggito poche ore prima dall’ospedale Santa Maria Goretti di Latina dove èra piantonato dalla Polizia Penitenziaria perché in regime di arresti ospedalieri: èra stato infatti arrestato il mese scorso dal Commissariato di Formia perché ritenuto uno dei responsabili di numerosi furti avvenuti negli ultimi mesi a Formia ed in altre zone del sud pontino e della Campania, ai danni di alcuni rinomati negozi di abbigliamento.

Detenuto presso la Casa Circondariale di Latina, nei giorni scorsi aveva accusato problemi di salute e per questo era stato ricoverato presso il reparto di cardiologia del Santa Maria Goretti.
Nel corso della notte ha eluso la sorveglianza degli agenti di custodia e con una coperta si è calato giù dalla sua stanza ubicata al primo piano, facendo così perdere le sue tracce.

Subito è scattato l’allarme e le ricerche si sono estese in tutto il territorio limitrofo; intorno alle cinque di questa mattina gli agenti della Squadra Volante del Commissariato di P.S. hanno notato un uomo che vagava nei pressi del Pronto Soccorso di Cisterna: alla vista della Polizia egli ha dato un nome falso, ha riferito di aver subìto una rapina e di non ricordare altro.
Le prime dichiarazioni non hanno convinto gli operanti, che hanno così controllato anche gli effetti personali dell’uomo e rinvenuto documenti intestati a BURO Giuseppe: egli dapprima ha negato che fossero suoi ma di lì a poco è emerso che si trattava proprio della persona evasa dall’ospedale qualche ora prima.

Anche il pronto intervento della Polizia Penitenziaria, che stava cercando il BURO su tutto il territorio, ha fatto definitiva chiarezza e posto fine alla “sfortunata” fuga del pregiudicato napoletano che, dai primi accertamenti svolti dagli investigatori, subito dopo la fuga dall’ospedale avrebbe percorso qualche chilometro a piedi in direzione borgo Piave, poi non sapendo dove si trovasse con precisione avrebbe chiesto un passaggio ad un ignaro automobilista che lo ha poi lasciato a Cisterna, dove sicuramente sarebbe salito a bordo del primo treno disponibile per Napoli.

E’ stato quindi arrestato per evasione e deferito anche per il reato di false attestazioni ad un pubblico ufficiale: è di nuovo piantonato all’Ospedale di Latina e domattina dovrà comparire davanti al Tribunale per il giudizio di convalida per direttissima.

***ARTICOLO CORRELATO***

Comments are closed.

H24@SocialStream